Search
Sunday 9 May 2021
  • :
  • :

La stella di Max brilla nella notte di Abu Dhabi

La stella di Max Verstappen che illumina a giorno l’ultima notte della Formula 1 2020 ad Abu Dhabi e il buio pesto in cui si ritrovano le Ferrari, lontanissime e doppiate. La prima stagione ai tempi del Coronavirus si conclude così, con una nuova brutta figura delle Rosse, che non riescono a fare meglio di un tredicesimo posto con Charles Leclerc, davanti all’ormai ex compagno di squadra Sebastian Vettel.

Va molto meglio al futuro pilota del cavallino rampante, Carlos Sainz, che con la sua McLaren chiude sesto. Si accontentano del podio le Mercedes, frenate dal terribile olandese della Red Bull: per una volta Valtteri Bottas fa meglio del campione del mondo Lewis Hamilton, terzo ma felice per un anno da incorniciare sotto le stelle dello scintillante circuito dello Yas Marina. La gara di Verstappen è un capolavoro: il giovane pilota della Red Bull, che scattava dalla pole position, è perfetto, riuscendo a filare al traguardo da primo della classe senza una sbavatura. Le Mercedes non possono far altro che assistere alla cavalcata vincente dell’olandese che chiude in bellezza una stagione molto positiva per lui. Un messaggio forte e chiaro per il 2021, in cui il duo delle Stelle d’Argento avrà un avversario concreto da cui guardarsi. “Una gara davvero piacevole per me – ha detto Verstappen, a margine della festa sul podio dello Yas Marina Circuit – Abbiamo coronato il lavoro con un’ottima partenza. Abbiamo gestito le gomme, la macchina e il bilanciamento. Per me in pista è stato davvero piacevole. In sostanza abbiamo fatto tutto nel modo giusto. Una volta che parti davanti puoi controllare di più il passo e questo ti rende la vita più semplice. Alla fine avevo un buon vantaggio, quindi ho potuto gestire meglio. Ho voluto godermi la vittoria, il podio e poi voglio tornare a casa, non vedo l’ora”.

Forte dei suoi sette titoli come Michael Schumacher, Hamilton sorride pensando al futuro che aspetta lui e la Formula 1: “Non si può vincere sempre – ammette il campione del mondo – Viste le ultime due settimane che ho trascorso, credo di poter essere sostanzialmente contento del weekend. Non sono al 100%, non sono andato bene come avrei voluto. Congratulazioni a Max. Io ho faticato tanto a livello fisico. Sono stato bene tutto l’anno ma oggi proprio non era il caso. Sono contento di essere arrivato. Ringrazio il team per il continuo sostengo. Buono comunque ottenere due podi nell’ultima gara. A livello fisico il Covid ha influito, ma una settimana fa non pensavo di poter essere qui – spiega ancora – Sono grato di aver trovato la salute e di essere qui. Spero di riprendermi al 100% le prossime settimane. Le Red Bull erano fuori portata questo weekend. Hanno fatto un lavoro fantastico. Sono contento che Albon fosse lì con noi. Questo è quello che la F1 necessità. Spero che nel 2022 le auto possano seguire meglio quelle davanti”.