Search
Monday 20 May 2019
  • :
  • :

La boxe Pro diventa occasione per lanciare messaggi etici

La boxe Pro diventa occasione per lanciare messaggi etici

 

La boxe Pro diventa occasione per lanciare messaggi etici.

La boxe Pro continua ad allargare i suoi orizzonti e questa volta sarà il Roma Convention Center-La Nuvola domenica 24 marzo a mettere a disposizione i suoi spazi per una grande riunione pugilistica. Dopo Cinecittà, anche l’esclusiva location della Capitale ospiterà per la prima volta una kermesse che, nel segno del rilancio della boxe, si avvicina ad un modello internazionale di spettacolarizzazione in cui lo sport diventa grande generatore di emozioni “epiche” e valori “etici”.
Lo è stato il 14 dicembre nel tempio del Cinema, con il sold-out per il titolo internazionale WBC dei Pesi Supermedi tra Giovanni De Carolis e Dragan Lepei, e sicuramente lo sarà per la seconda tappa di una nuova generazione di eventi prodotti da Artmediamix con il supporto della Federazione Pugilistica Italiana e la collaborazione tecnica della Buccioni Boxing Team. Cresce il livello tecnico, si perfeziona lo spettacolo e si conferma nuovamente la presenza di Eurosport come broadcaster ufficiale dell’evento che sarà trasmesso in diretta su Eurosport 2 a partire dalle 21.15 e su Eurosport Player anche nelle fase precedenti della serata.
La kermesse, patrocinata dal Coni e da Roma Capitale, darà il via anche ad un percorso etico importante con due social partner d’eccezione del pugilato italiano: la Fondazione Pontificia Scholas Occurrentes e l’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping.
Lo scenario della boxe PRO è decisamente cambiato: il brand Italia si sta imponendo anche all’estero ed il trend è in crescita, lo testimoniano i numeri delle visualizzazioni digitali e quelli relativi allo share televisivo. “Il mercato della boxe – afferma il CEO di Artmediamix Gian Marco Sandri – risponde a logiche da ring con una forza straordinaria. Gli investimenti sono appena iniziati ed è bello dare il via a questo percorso al fianco dei campioni e delle istituzioni”.