Search
Tuesday 26 May 2020
  • :
  • :

Senna, l’airone dei circuiti

Non è il pilota di Formula Uno che ha vinto di più in carriera, ma se si chiede a chi ha più di 40 anni di indicare un talento delle quattro ruote in molti pensano ad Ayrton Senna.

Nato a San Paolo in Brasile il 21 marzo del 1960, Senna ha lasciato un segno indelebile non solo nello sport dei motori tra la fine degli anni ’80 e la prima parte degli anni ’90.

Considerato uno dei piloti più completi, dalla messa a punto alla gestione delle gomme, dai tracciati tecnici a quelli più “facili”, era forse la capacità di adattarsi al bagnato la sua più grande caratteristica, aspetto che più di altre l’ha reso un mito tra gli appassionati di automobilismo negli anni in cui spesso a vincere i titoli mondiali erano i cosiddetti “ragionieri”, quelli cioè in grado di ottenere il massimo risultato col minimo sforzo, spesso senza regalare particolari emozioni a tifosi e sportivi.

Nella sua carriera Ayrton Senna ha vinto 41 gran premi e tre titoli mondiali (1988, 1990 e 1991), centrando tra l’altro sei successi sulla pista cittadina di Montecarlo, cinque dei quali conquistati consecutivamente (tra il 1989 e il 1993).

Storica la rivalità col francese Alain Prost, suo compagno di squadra alla McLaren. Triste invece l’epilogo della sua vita, con la morte sopraggiunta a causa di un incidente occorsogli alla curva del Tamburella durante il GP di San Marino il primo maggio del 1994.